70 anni di Ricerca

grupponapoli Archivio, News Leave a Comment

Il 25 settembre il gruppo Fuci di Napoli “L’Aquinate” ha inaugurato il nuovo anno accademico partecipando ad un importante appuntamento che ha permesso ai fucini un tuffo nel passato, alla scoperta delle radici della Federazione.

Nella cornice della Sala degli atti parlamentari, all’interno della Biblioteca del Senato, insieme alla Presidenza Nazionale, ai fucini provenienti da diverse regioni, agli amici della Federazione e agli ex-membri abbiamo festeggiato i 70 anni della rivista Ricerca e ripercorso la storia della F.U.C.I. attraverso gli interventi dei relatori. Ricerca nasce il 25 aprile 1945, sostituendo la rivista Azione Fucina. Lo scopo della rivista è ambizioso ma necessario in un periodo così convulso come l’immediato dopoguerra: instillare nel cuore dei giovani universitari il desiderio di partecipare alla vita universitaria e formare una generazione di intellettuali, professionisti, cittadini consapevoli del proprio ruolo nella società. “Siamo degli impreparati” scrive Ivo Murgia nell’editoriale del primo numero, ma assicura che una nuova stagione di impegno culturale e sociale sta per iniziare.

Nella giornata di venerdì si è parlato molto di impegno, serietà, lavoro, onestà, credibilità e di tutti gli elementi che hanno reso Ricerca un elemento importante nel panorama del giornalismo cattolico. Un altro tema importante è il passato e la storia, attraverso i quali sarebbe impossibile immaginare e progettare un futuro migliore.

Dopo la chiusura dei lavori si è svolta la messa in ricordo del Beato Paolo VI, assistente F.U.C.I. dal 1925 al 1933, celebrata da don Michele Pischedda, odierno assistente ecclesiastico nazionale della F.U.C.I.. Hanno concelebrato Padre Francesco Occhetta ed il nostro assistente di gruppo, don Giuseppe Cuomo.

Il gruppo di Napoli ha vissuto questa giornata con la leggerezza che lo contraddistingue, è stata una giornata di riflessione ma anche di gioia, trascorsa tra una passeggiata nella città eterna e i canti intonati durante il rientro a Napoli. Si è mangiato (tanto) ma si è anche discusso sul ruolo che il nostro gruppo ha avuto e vuole avere all’interno della Federazione. A ricordarci la nostra storia c’erano l’assistente Don Giuseppe Cuomo, e i membri storici del gruppo, Mario Iannuzziello e Gennaro Salzano, che ringraziamo per i preziosi consigli, la presenza costante in Fuci e l’impegno ad essere memoria e testimonianza.

Come accade sempre dopo aver partecipato ad un evento nazionale, dopo il confronto con altri giovani, le riflessioni e la festa, ci sentiamo pronti ed entusiasti per affrontare il nuovo anno accademico e associativo, aggiungendo un tassello piccolo ma importante nella storia del gruppo de L’Aquinate.

Milena Annunziata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *